Fincantieri incassa maxi commessa per 4 nuove navi Norwegian Cruise Line

Fincantieri incassa maxi commessa per 4 nuove navi Norwegian Cruise Line

Grande novità per la cantieristica navale italiana. Fincantieri ha infatti ufficializzato un nuovo ordine ricevuto dal gruppo Norwegian Cruise Line Holdings per la realizzazione di 4 navi da crociera di nuova generazione, con l’opzione per 2 ulteriori unità, da destinare al brand Norwegian Cruise Line. Le navi hanno un valore di circa 800 milioni di euro ciascuna e saranno consegnate a un anno l’una dall’altra a partire dal 2022 fino al 2025. In caso di esercizio dell’opzione le consegne si estenderanno fino al 2027.

Determinante per il buon fine della commessa e per la scelta da parte dell’armatore è stato l’apporto di Cassa Depositi e Prestiti e di Sace, insieme a quello degli altri soggetti dell’export credit, che ha permesso a Fincantieri di proporre un pacchetto tecnico-commerciale e finanziario attraente, peraltro soggetto ad alcune condizioni.

Norwegian Escape, Norwegian Cruise Line

Con circa 140.000 tonnellate di stazza lorda, quasi 300 metri di lunghezza e una capacità di ospitare 3.300 passeggeri, queste unità costituiranno la spina dorsale della flotta del futuro di NCL.

L’ordine si basa su un prototipo  sviluppato da Fincantieri teso a valorizzare il concetto di libertà e flessibilità – Feel Free – proprio del brand, con una configurazione di prodotto innovativa, in grado di arricchire ulteriormente l’esperienza offerta ai passeggeri. Inoltre, particolare attenzione è stata posta all’efficienza energetica, con il duplice obiettivo di contenere i consumi in esercizio e minimizzare l’impatto ambientale, in linea con le più recenti normative in materia.

Questa nuova classe di navi confermerà la tradizione di introdurre innovazioni significative nell’industria crocieristica propria del brand Norwegian Cruise Line” ha dichiarato Frank Del Rio, Presidente e CEO di Norwegian Cruise Line Holdings. “Questo ordine rimarca il nostro programma per le nuove costruzioni, aumenta e rafforza il nostro profilo di crescita, già significativo e prospetta un ritorno nel lungo periodo per i nostri azionisti”.

Giuseppe Bono, CEO Fincantieri, ha dichiarato: “Questo risultato eccezionale ci permette di annoverare un nuovo prestigioso brand nel nostro portafoglio clienti, a conferma della capacità di Fincantieri di sviluppare in modo flessibile soluzioni all’avanguardia al servizio di ogni segmento ed esigenza della crocieristica moderna. Siamo molto orgogliosi del progetto per queste navi: lo abbiamo messo a punto al nostro interno e presentato all’armatore, che lo ha apprezzato al punto tale da ordinarne una classe intera”. Bono poi ha concluso: “Al raggiungimento di questo obiettivo hanno contribuito in maniera determinante diversi attori della filiera dell’export, ai quali va il nostro riconoscimento. A questi fattori, tutti fondamentali, ovviamente va aggiunto il valore di un ordine di tale portata, del quale il Gruppo beneficerà in termini economici e di carico di lavoro, prolungando ulteriormente l’orizzonte occupazionale dei nostri cantieri, che non è comparabile con nessun altro settore industriale. Infine, siamo anche fieri di dare un contributo sostanziale alla crescita economica del nostro Paese che, come tutti sappiamo, richiede uno sforzo corale per recuperare le proprie quote sul mercato mondiale”.

Norwegian Cruise Line Holdings è fra i primi gruppi crocieristici al mondo. Ne fanno parte, oltre a NCL, i brand Regent Seven Seas Cruises, per il quale Fincantieri ha consegnato a Sestri Ponente (Genova) l’unità extra-lusso “Seven Seas Explorer” nel 2016 e sta ora realizzando un’unità gemella con consegna prevista nel 2020 ad Ancona, e Oceania Cruises, per cui il gruppo ha costruito “Marina” e “Riviera” rispettivamente nel 2011 e nel 2012 presso il cantiere di Sestri.

.


.

Iscriviti alla Newsletter del Dream Blog Cruise Magazine!

  • Clau

    Mi chiedevo la stessa cosa: Fincantieri incassa commesse una via l’altra!
    Fa piacere vedere che la professionalità di questa azienda sia riconosciuta a livello mondiale!

    • luca paglia

      Fincantieri in questo momento è assolutamente leader sul mercato. Ha a disposizione ben 4 bacini, Marghera, Monfalcone, Genova ed Ancona. Riesce a costruire ben 3 navi sopra i 320 metri in contemporanea e a sfornare unità al di sotto dei 300 con un rateo di due l’anno. Ad ancona poi lavorano benissimo sul settore luxury, mentre palermo è diventato l’hub europeo delle riparazioni navali, sia per dry dock che per vere e proprie modifiche (vedasi progetto MSC Rinascimento). Inoltre grazie ai cantieri Vard di proprietà in Norvegia, il Grand Bahamas Shipyard alle Bahamas che è l’hub dei dry dock dei caraibi e grazie agli accordi in Cina con CSSC, riesce ad ottenere e incassare sempre più ordini. E se andasse a buon fine l’acquisizione dei cantieri francesi si St. Nazaire, il bacino di costruzione arriverebbe ad un rateo di oltre 6 unità sopra le 100.000 tonnellate consegnabili in meno di 18 mesi! da record