Crociere 2017: le ultime tendenze di un’industria che non conosce crisi

Crociere 2017: le ultime tendenze di un’industria che non conosce crisi

Da esperienze  a terra più approfondite ad un rinnovato interesse per i viaggi in Alaska. Ed ancora dall’emergente Cuba ad un utilizzo sempre più massiccio di nuove tecnologie a bordo delle navi. Sono le ultime tendenze del settore che plasmeranno nei prossimi mesi e con ogni probabilità abitudini e preferenze dei crocieristi.

High Tech in alto mare

Tante le novità in arrivo  sul fronte tecnologia. Tra tutte, il Gruppo Carnival Corporation ha recentemente annunciato l’imminente introduzione sulle navi Princess Cruises di un nuovo smartwatch avveniristico. Si chiamerà Ocean Medallion e sarà un vero e proprio dispositivo indossabile che consentirà, da un lato, agli ospiti di personalizzare il proprio soggiorno oltre che di usufruire di sevizi aggiuntivi evoluti, dall’altro, alle compagnie, di conoscere meglio preferenze e abitudini dei propri clienti, così da migliorare costantemente nel tempo la propria offerta. Indossare l’Ocean Medallion consentirà, una volta a bordo, di aprire la porta della propria cabina, di prenotare un ristorante, un’escursione o una qualsiasi altra attività, di snellire e velocizzare le operazioni di sbarco e imbarco e molto altro.

crown-princess-princess-cruises-alaska

Alaska

Secondo le ultime stime, lo Stato dell’Alaska prevede di movimentare quest’anno 1,06 milioni di crocieristi, superando con ogni probabilità il record di 1,03 milioni raggiunto nel corso della stagione 2008.
Le previsioni fornite dal l’Alaska Travel Industry Association sono  conseguenza, da un lato, di navi sempre più grandi attese nella regione e, dall’altro, di destinazioni popolari quali Sitka, Juneau e Icy Strait Point che si sono nel tempo attrezzate, costruendo nei propri porti moli in grado di ospitare le navi di nuova generazione. Parallelamente a questo fenomeno, le unità di più piccole dimensioni si sono nel frattempo concentrate nell’offrire itinerari mediamente più lunghi, alla volta di destinazioni meno popolari, generalmente non raggiungibili dalle navi più grandi.

Tra le compagnie più attive nell’area, Holland America Line che quest’anno celebrerà il suo 70° anniversario di crociere in Alaska; il luxury brand Seabourn che farà ritorno in Alaska a giugno dopo 15 anni di assenza; Lindblad Expeditions che ha inserito la destinazione nella programmazione inaugurale della nuova nave National Geographic Quest; Carnival, che con la sua  Miracle proporrà per la prima volta una crociera di 14 giorni in Alaska con partenza da Long Beach, in California; Crystal Cruises che, dopo aver raggiunto l’anno scorso il record con la sua speciale crociera lungo il passaggio a Nord-Ovest per la più grande nave passeggeri che abbia mai navigato in quelle acque, offrirà ad agosto il bis con partenza da Anchorage. Ed ancora, nel 2018, Norwegian Cruise Line lancerà la sua nuova ammiraglia Norwegian Bliss, una nave appositamente progettata per i viaggi in Alaska.

norwegian-bliss-norwegian-cruise-line-miami

Cuba

I primi segnali concreti di apertura  dell’isola cubana al business delle crociere, anche americane, si sono registrati l’anno scorso quando, per la prima volta nella sua storia, la compagnia MSC Crociere ha introdotto nella sua programmazione i primi itinerari a Cuba con partenze dall’Avana.
Da allora un numero sempre più consistente di compagnie ha ottenuto le autorizzazioni dalle autorità locali necessarie per poter operare nell’area.

Adonia, Fathom, CubaIn ambito americano, il grande primato è stato raggiunto dal nuovo brand Fathom, ideato e controllato dal colosso Carnival Corporation,  che grazie al concetto delle crociere solidali è riuscito a far arrivare lo scorso maggio, dopo 50 anni, la prima nave da crociera americana  all’Avana.
Un caso a parte è costituito da Cuba Cruise, compagnia canadese nata nel 2013 e che ha iniziato da quell’anno, in partnership con Celestyal Cruises, a commercializzare le crociere a Cuba per canadesi ed europei.
Infine, dopo una lunga attesa, anche gli altri grandi player americani hanno finalmente ottenuto il via libera a sbarcare a Cuba.  Il gruppo Norwegian Cruise Line Holdings toccherà l’Avana con i suoi tre marchi: Norwegian Cruise Line,  Oceania Cruises e Regent Seven Seas Cruises.
Il colosso Royal Caribbean è pronto a proporre l’isola cubana con i suoi brand Royal Caribbean International e Azamara Club Cruises ed ancora è di qualche settimana fa l’ok ad operare nell’area anche per Carnival Cruise Line.

Le ritrovate relazioni diplomatiche – anche se la nuova amministrazione presidenziale americana non consente di fare previsioni a lungo termine – portano con sé il grande potenziale di cambiare significativamente il volto delle crociere ai Caraibi ed in molti hanno progressivamente focalizzato l’attenzione sull’isola cubana con l’intendo di renderla la grande novità caraibica degli ultimi tempi.

Marvel Day at Sea, Disney Cruise Line

Nuove Esperienze a bordo

L’industria crocieristica continua ad evolvere, nel tentativo di soddisfare esigenze e desiderata di una fascia di utenza sempre più vasta e trasversale.  Da questo punto di vista, tantissime sono le opportunità.
Carnival Cruise Line ha, ad esempio, recentemente introdotto una serie di nuove crociere lunghe, della durata variabile dai 9 ai 15 giorni, con numerose opzioni di personalizzazione, a bordo e a terra, così da consentire esperienze di viaggio più approfondite e significative.

Royal Caribbean, oltre ad essere uno tra i principali attori del settore ad aver portato a bordo delle sue ultime navi tanta tecnologia di ultima generazione al servizio dei suoi ospiti, è ad oggi l’unica compagnia ad  offrire certificati scuba-diving  per il tramite della Professional Association of Diving Instructors. Per ottenere la certificazione i passeggeri dovranno iniziare  il corso online da casa e, una volta saliti a bordo, potranno proseguire gli studi con le lezioni pratiche utilizzando una piscina della nave, a cui seguiranno quattro vere e proprie immersioni in mare aperto durante i porti di scalo toccati dalla crociera.

Quanto a MSC Crociere, ad aprile  la Compagnia introdurrà  a bordo delle sue navi la nuova Wellness Experience, sviluppata in partnership con Technogym. Con questa novità, sarà possibile scoprire nuovi mondi e nuove culture perseguendo al tempo stesso i propri obiettivi di wellness per rinvigorire il corpo e lo spirito.

Princess Cruises ha dal canto suo recentemente esteso il suo programma Discovery at Sea per offrire ai più piccoli un nuovo programma di attività a loro dedicati, in molti casi legate alle destinazioni toccate dall’itinerario. La Compagnia ha inoltre introdotto a bordo delle sue navi un nuovo spettacolo – il “Born to Dance” – prodotto con il contributo del famoso compositore Stephen Schwartz, per rendere omaggio ai più grandi coreografi e ballerini di Broadway.

Norwegian Cruise Line ha da poco aperto Harvest Caye, la nuova destinazione privata nel sud del Belize che offre agli ospiti delle sue navi numerose attività ed esclusività, quali ville disponibili per il noleggio giornaliero, una laguna per tour in canoa e kayak, una lunga zip line e molto altro.

 A partire dall’autunno Disney Cruise Line proporrà per la prima volta i Marvel Days at sea, giornate  a bordo in compagnia dei supereroi e dei supercattivi della famiglia Marvel.
Harvest Caye

Last but not least Costa Crociere, che  prosegue il suo percorso in termini di innovazione di prodotto, volto a fare di una nave Costa un’esperienza distintiva di viaggio, capace di generare “emozioni”.
Ricalcando un po’ quella che è la filosofia propria di altri mercati, la nuova Costa 3.0 rende la nave la prima destinazione della vacanza.
In ambito prodotto-esperienza, ad esempio, è il meglio dell’Italia a navigare oggi a bordo delle navi della flotta “C”. A partire dalla tavola ed alla possibilità di gustare ad ogni crociera un nuovo menu firmato dallo chef stellato Bruno Barbieri. Ed ancora i menu regionali italiani che, con gli oltre 520 differenti piatti introdotti, consentono di portare nei ristoranti di bordo specialità rappresentative di 18 regioni diverse. E poi  i primi gourmet bar dedicati esclusivamente alla mozzarella  ed ancora la pizza, quella vera, preparata esclusivamente con lievito madre e condita con ingredienti selezionati e che viene proposta nelle nuove pizzerie Pummid’oro. E poi ancora il gelato artigianale preparato con ingredienti di prima qualità Agrimontana, i  “macarons” famosi in tutto il mondo, firmati dal maestro Luigi Biasetto ed ancora i prelibati cioccolatini e le praline del maestro Guido Gobino.
Spazio anche al buon bere, grazie ad un’ampia scelta, tra cui spiccano le bollicine delle Cantine Ferrari ed ancora, grazie ad un’importante accordo con Aperol, il tipico Spritz.

Cantine Ferrari

Nuove Navi

A maggio 2016 ha debuttato la Harmony of the Seas, la più grande nave da crociera del mondo nonché terza gemella di classe Oasis costruita per il brand Royal Caribbean International.  Oltre 227.000 tonnellate di stazza lorda, 362 metri di lunghezza ed una capacità di 5.400 passeggeri per quella che è la nave della flotta più tecnologicamente avanzata e ad alta efficienza energetica mai costruita

Quanto a quest’anno, Viking Cruises aggiungerà nella flotta altre due navi: Viking Sky e Viking Sun. Quest’ultima, poi, proporrà a dicembre la prima crociera giro del mondo della Compagnia, salpando a dicembre per un esclusivo itinerario di 141 giorni.

Crystal Cruises impreziosirà ulteriormente il segmento delle crociere di lusso con l’introduzione in estate di due nuove navi da crociera fluviale, Crystal Bach e Crystal Mahler, e della nuova divisione AirCruises per nuove crociere intorno al globo a bordo di lussuosi aerei e soggiorni in hotel prestigiosi.

Grande festa a Port Canaveral per la prima partenza di Harmony of the Seas dal suo nuovo home port

Silversea lancerà ad aprile la sua nuova Silver Muse, un’evoluzione progettuale delle più recenti unità della flotta e che vanta a bordo diversi servizi, tra cui ben 8 ristoranti differenti. A novembre poi, il restyling di Silver Cloud per equipaggiarla come una vera e propria nave  per esplorazioni polari.

MSC Crociere, infine, sarà la protagonista nel corso dell’anno di ben 2 nuove navi, entrambe appartenenti ad altrettanti progetti innovativi. MSC Meraviglia, che  debutterà il prossimo 3 giugno a Le Havre, è stata progettata  per soddisfare tutte le esigenze dei crocieristi con il suo design all’avanguardia. La nave è lunga 315 metri,alta 65 e può ospitare oltre 5.700 passeggeri ed è stata concepita per essere una destinazione in sé: a bordo 4 piscine, 12 ristoranti, 20 bar, due piste da bowling regolamentari, un simulatore di Formula 1 e un simulatore di volo, ma anche uno spazioso MSC Yacht Club riservato chi è alla ricerca di lusso ed esclusività, dotato di suite su due piani con di piscina “personale”, e spettacoli permanenti del Cirque du Soleil at Sea, i cui artisti si esibiranno in show appositamente creati per gli ospiti di MSC Crociere nel Carosel Lounge. Al centro della nave si sviluppa anche una promenade interna lunga 96 metri con il soffitto interamente ricoperto da uno schermo a LED su cui saranno proiettate scenografie avvolgenti.

MSC Seaside the ship that follows the sunMSC Seaside, invece, entrerà nella flotta a fine novembre e potrà trasportare fino a 5.179 ospiti, garantendo  una media di 10,5 metri quadrati di spazi pubblici per passeggero, il più alto rapporto della flotta MSC e tra i più rilevanti del settore.
Disegnata per far vivere un’esperienza sul mare senza precedenti, la nave offrirà una passeggiata all’aperto a 360°, ascensori panoramici, tre passerelle in vetro e un’alta percentuale di cabine con balcone privato.
Le cabine saranno complessivamente 2.067, il 73% delle quali con balcone privato. La nave proporrà 14 diversi tipi di sistemazioni, per tutti i gusti e tutte le tasche, incluse le Royal e le Deluxe Suite, oltre a 111 cabine pensate appositamente per le famiglie numerose.
Non mancherà a bordo l’MSC Yacht Club, l’esclusiva area privata introdotta dalla compagnia per la prima volta nel 2008. La “nave nella nave” si caratterizzerà per 86 suite e 2 Royal Suite con ampio soggiorno, 2 balconi con tavolo per cenare all’aperto e piscina idromassaggio privata. I fortunati ospiti del Club potranno beneficiare di un servizio maggiordomo 24/7, di un solarium di 1.600 metri quadri con piscina sul ponte più alto ed ancora di un ristorante intimo e privato.

.


.

Iscriviti alla Newsletter del Dream Blog Cruise Magazine!