Il gruppo Royal Caribbean tra i maggiori player nel mercato crocieristico europeo

Il gruppo Royal Caribbean tra i maggiori player nel mercato crocieristico europeo

Royal Caribbean Cruises Ltd. costituisce un rilevante player nel mercato crocieristico del vecchio continente grazie ai suoi tre brand. Stuart Leven, vicepresidente Europa, Medioriente e Africa (EMEA) del gruppo, ha recentemente dichiarato: “Vendiamo Royal (Caribbean International) come contenitore destinato alle famiglie e Celebrity come lussuoso prodotto di fascia alta, mentre con Azamara ci concentriamo maggiormente sull’esperienza della destinazione, dato che la sua flotta sosta più a lungo e fa spesso overnight nei porti di scalo, potendo inoltre accedere dove le grandi navi non approdano e offrendo sovente ai propri ospiti esclusive e immersive esperienze a terra”.

Stuart Leven

“Mentre gli altri brand che operano nell’area possono tipicamente contare su mercati domestici molto consistenti, il punto di forza dei nostri marchi è rappresentato da un mix di passeggeri decisamente eterogeneo e ben più internazionale. Raramente abbiamo a bordo più del 25/30 per cento di ospiti di un singolo paese. Si tratta di un mix particolarmente bilanciato, che penso sia percepito positivamente a bordo”.

Siamo inoltre in grado di offrire una vasta gamma di itinerari e porti di partenza, dando ai nostri ospiti nel Mediterraneo la possibilità di scegliere se partire da Barcellona, Roma (Civitavecchia) o Venezia. Questi scali, inoltre, sono facilmente raggiungibili, e credo che ciò rappresenti un fattore determinante”.

Leven ha assunto la carica di vicepresidente dell’area EMEA del gruppo lo scorso dicembre, e sin da allora ha perseguito un’opera di riassetto dell’organizzazione di Royal nel mercato europeo. “In passato abbiamo avuto una notevole frammentazione delle nostre sedi e delle funzioni amministrative”, ha dichiarato. Abbiamo dunque centralizzato i nostri uffici europei a Barcellona, che rappresenta una location strategica e una sede naturale in quanto si tratta di uno dei nostri principali homeport”.

“Questo non significa che ci tiriamo fuori da tutti gli altri paesi in cui operiamo. Al contrario, ci stiamo concentrando sullo sviluppo della nostra forza vendita per raggiungere un maggior numero di agenti di viaggio.

royal-caribbean-international

Royal Caribbean dispone al momento di 150 venditori in Europa, mentre i principali mercati per i tre brand del gruppo sono rappresentati dal Regno Unito, la Germania, gli stati nordici e la Spagna.

Leven divide gli agenti di viaggio europei in tre tipologie. “C’è un primo gruppo, ossia quelli che hanno il proprio core business nella vendita delle crociere, che manteniamo aggiornati sullo sviluppo del prodotto e degli itinerari”, ha spiegato. “Poi abbiamo agenti di viaggio che vendono crociere come parte della loro offerta, costituita perlopiù da vacanze di terra. Dobbiamo convincerli a far cambiare idea ai propri clienti, consigliando loro di provare una crociera per la prima volta”.
“Il terzo gruppo, infine, è costituito da quelli che non sono per niente interessati alle vacanze di mare. Bisogna ricordare che i 6,7 milioni di europei che hanno fatto una crociera lo scorso anno rappresentano solo il 4/5 per cento dell’intero mercato del turismo. Quello che cerchiamo dunque di raggiungere con la nostra forza vendita è il restante 95 per cento, e il miglior modo per farlo è concentrarci sugli agenti di viaggio che, ad oggi, non vendono crociere”.

Con 10 navi in arrivo nei prossimi nove anni per tutti i brand del gruppo Royal Caribbean, un orderbook da record nel settore crocieristico, Leven ha ribadito una stringente necessità: “Dobbiamo concentrarci sulla creazione di nuovi clienti per il business del futuro”.

royalcaribbean.it

.


.

Iscriviti alla Newsletter del Dream Blog Cruise Magazine!