Costa neoClassica prossima unità di Bahamas Paradise Cruise Line?

Costa neoClassica prossima unità di Bahamas Paradise Cruise Line?

Costa neoClassica dovrebbe volgere la prua verso la Florida il prossimo anno per entrare a far parte della flotta di Bahamas Paradise Cruise Line, anche se ciò non è stato ancora confermato da Kevin Sheehan Jr., presidente della compagnia e figlio dell’ex-presidente e CEO di Norwegian Cruise Line Holdings Kevin Sheehan Sr., che l’ha acquisita nel dicembre dello scorso anno. In una recente intervista rilasciata a Seatrade Cruise News, questi ha discusso della quota maggioritaria della propria famiglia nel brand, del suo potenziale di crescita e del coinvolgimento di alcune vecchie conoscenze dell’industria crocieristica nel progetto.

Sheehan Jr., il cui curriculum include impieghi nel settore del private equity e a Wall Street per Merrill Lynch, il sopraccitato padre (ora CEO di Scientific Games Corp. a Las Vegas), la madre Lauraine e la sorella Caitlin detengono la quota di maggioranza di BPCL, mentre quella di minoranza è appannaggio dell’uomo d’affari Oneil Khosa: quest’ultimo opera come CEO della compagnia coordinando le operazioni dalla sede in Florida, mentre Kevin Sheehan Sr. ha la carica di presidente del cda.

Costa neoClassica, Costa Crociere

Altri veterani del mondo crociere che si sono uniti al team includono Maria Miller come chief marketing officer e David Sprechman come chief financial officer (entrambi sono stati ufficiali per Norwegian Cruise Line), mentre Richard Coombs è director of information technology (ha lavorato in passato per Royal Caribbean International). “C’è stata una grande spinta che ci ha aiutati a fare crescere questa azienda”, ha dichiarato Sheehan Jr.. “La compagnia gode oggi di una grande richiesta”, benché auspichi di “continuare a incrementarla sempre di più”.

Fonti non specificate hanno dichiarato a Seatrade Cruise News che Costa neoClassica, destinata a lasciare la flotta di Costa Crociere nel marzo 2018, sarà acquisita da BPCL, ma Sheehan non lo ha ancora confermato“Aggiungere una seconda nave raddoppierà il nostro volume d’affari, quindi pondereremo accuratamente la scelta da intraprendere”, ha dichiarato. Sarà ovviamente necessario un deciso incremento del marketing, anche se, da un punto di vista operativo, ciò può essere fatto “molto rapidamente”.

Al momento, la Grand Celebration, prima e unica nave della flotta, fa scalo ogni due giorni nel porto di Palm Beach, lasciando il molo e il terminal crociere inutilizzati durante il resto della settimana. “Sì, potremmo far ormeggiare altre navi da crociera nei giorni liberi. Per quanto ne sappiamo, BPCL non ha in programma di rimpiazzare Grand Celebration. Non siamo al momento in grado di commentare in merito a eventuali piani su altre navi”, ha dichiarato una portavoce del porto.

Grand Celebration

Grand Celebration, unità da 47.000 tonnellate di stazza lorda che precedentemente navigava con il medesimo nome sotto le insegne della defunta Iberocruceros, è stata costruita nel 1987 come Celebration per Carnival Cruise Line. Una breve parentesi in Costa Crociere nel novembre 2014 l’ha vista come Costa Celebration, anche se non è mai entrata in servizio. La più recente e lievemente più grande Costa neoClassica, in virtù delle sue 53.000 tonnellate di stazza lorda, è stata lanciata come Costa Classica nel 1991 e ha ricevuto importanti lavori di ammodernamento nel dicembre 2014.

Grand Celebration, attualmente, salpa nel cuore della notte per Freeport, situata sulla costa occidentale dell’isola di Grand Bahama, dove trascorre la giornata per poi tornare la mattina successiva a Palm Beach. La compagnia vende anche soggiorni in resort partner situati sulla medesima isola, che possono essere abbinati alla crociera in un pacchetto “cruise and stay” scelto dalla maggior parte degli ospiti. BPCL prevede di trasportare 250.000 passeggeri nel corso del 2017.

Il brand degli Sheehan non mira al confronto diretto con realtà più grandi quali Carnival o Norwegian, privilegiando la propria nicchia di mercato: brevi vacanze con un ottimo rapporto qualità-prezzo destinate a un pubblico che non vuole impegnarsi in una crociera di sette giorni. Gran parte dei clienti, infatti, provengono dalla vicina South Florida.

Dato che questo target tende a privilegiare la prenotazione online, BPCL ha aggiornato il proprio sito internet e continua a perfezionarlo, con una maggiore enfasi sui resort partner e sulle Bahamas come destinazione.

Sheehan, in ogni caso, ha dichiarato che la compagnia è “particolarmente eccitata” in merito ai piani di Carnival di costruire un porto di destinazione sull’isola di Grand Bahama, dal momento che ciò creerà una maggiore consapevolezza e interesse per tale meta. “Siamo una linea che fa la spola tra West Palm Beach e le Bahamas, e amiamo questi porti”, ha dichiarato. “Vogliamo essere sempre più inclusi nella comunità”. È per tale motivo che BPCL sostiene progetti locali ed enfatizza la cultura delle Bahamas. La compagnia mira a massimizzare il proprio impatto economico nell’area e si aspetta di acquisirvi una sempre maggiore prominenza.

bahamasparadisecruise.com

.


.

Iscriviti alla Newsletter del Dream Blog Cruise Magazine!