Norwegian Bliss approda a Seattle: tutto pronto per il battesimo

Norwegian Bliss approda a Seattle: tutto pronto per il battesimo

Nel corso del suo tour inaugurale alla volta di Seattle, Norwegian Bliss ha infranto un record dopo l’altro, imponendosi, in virtù delle sue 168.028 tonnellate di stazza lorda, come la più grande nave passeggeri ad aver mai transitato nel canale di Panama e ad aver toccato la West Coast statunitense. Un entusiasmo senza precedenti che la nuova ammiraglia NCL ha sperimentato anche ieri, in occasione dell’arrivo nel suo nuovo homeport per la stagione estiva in Alaska.

La compagnia statunitense è stata la prima a far scalo a Seattle 18 anni fa, e in partnership con l’autorità portuale locale ha provveduto a espandere il Bell Street Cruise Terminal, presso il Pier 66, per accogliere il suo nuovo fiore all’occhiello. I lavori sono stati conclusi un anno fa.

“Il porto di Seattle è eccitato di poter accogliere la magnifica Norwegian Bliss e i suoi passeggeri per numerose stagioni di crociere in Alaska”, ha dichiarato Courtney Gregoire, presidente della Port of Seattle Commission. “Le navi da crociera come Norwegian Bliss vengono perfettamente incontro al nostro obiettivo di incrementare le opportunità economiche della regione, elevando al contempo il livello della sostenibilità ambientale. Ringraziamo Norwegian per i suoi 18 anni di collaborazione con il porto, sperando che duri ancora a lungo”.

Norwegian Bliss Seattle

Per la prima volta nella storia di NCL, una nave della compagnia sarà battezzata nel porto di Seattle: padrino di Norwegian Bliss sarà il presentatore radiofonico Elvis Duran.

“Confidiamo in un promettente futuro e ci auguriamo di continuare a lavorare in sinergia con il porto di Seattle per espandere ulteriormente le opportunità crocieristiche nel Pacifico di Nord-ovest”, ha dichiarato Andy Stuart, presidente e CEO di Norwegian.

Il mercato crocieristico di Seattle rappresenta uno dei principali volani per l’economia della regione, garantendo oltre 4.000 posti di lavoro e introiti per più di 500 milioni di dollari ogni anno. Le cifre dei passeggeri in transito nel porto cittadino dovrebbero inoltre raggiungere il milione di passeggeri per il secondo anno di fila.

Da 14 anni, l’autorità portuale di Seattle collabora con il Dipartimento di Ecologia dello stato di Washington e la CLIA nell’ambito del Washington State Cruise Memorandum of Understanding, impegnandosi affinché le navi da crociera si attengano agli standard ambientali imposti dal mercato, dallo stato e dal governo federale, soprattutto in merito allo scarico delle acque reflue e dell’alimentazione a banchina, che si estenderà dal Terminal 91 al Pier 66.

Il porto si è inoltre schierato fra i primi sostenitori della North American Emission Control Area, che stabilisce precisi limiti della percentuale di zolfo nei carburanti delle navi da crociera quando si trovano a meno di 200 miglia dalla costa. Molte delle unità che fanno scalo a Seattle hanno installati a bordo sistemi di pulizia dei gas di scarico, noti come scrubber.

ncl.com/it

 

.


.

Iscriviti alla Newsletter del Dream Blog Cruise Magazine!