In diretta da Oceania Riviera: giorno 4, Malta

Ogni volta tornare a Malta è per me una nuova scoperta: è un’isola ricchissima di storia, cultura, tradizioni e luoghi da visitare.

A poco più di 90 chilometri dalle coste meridionali della Sicilia e con un passato iniziato intorno al 3000 A.C., le pagine della storia dell’isola di Malta raccontano di una lunga serie di invasioni e dominazioni: romani, arabi, turchi e più recentemente gli inglesi. Un rapporto stretto quello con l’Inghilterra arrivato fino ai giorni nostri, tanto che oggi, a fianco del maltese, la lingua ufficiale dell’isola, la stragrande maggioranza della popolazione comprende e parla correttamente anche l’inglese.

Per trascorrere al meglio questa caldissima giornata mediterranea (il termometro ha toccato quota 36°C) abbiamo deciso di dedicarci ad un tour locale, acquistato all’uscita del porto, con l’intento di visitare la zona settentrionale dell’isola.

Così, partiti da La Valletta, dopo un ingresso maestoso di Oceania Riviera in porto per il suo Maiden Call, accompagnato dal suono di sirena della nave e dagli spari di cannoni della città, in segno di saluto, abbiamo visitato alcuni tra i principali punti di interesse turistici e culturali di questa zona, come ad esempio Ta’ Qali, Mosta, Mdina, Rabat, fino ad arrivare alla frequentatissima Golden Bay, la spiaggia d’oro di Malta, per via del caldo colore della sua sabbia. Il tempo di un tuffo in mare e di un momento di relax in spiaggia e, a seguire, la seconda parte del tour panoramico, verso St. Paul’s Bay ed ancora in alcuni caratteristici villaggi locali, meno frequentati da un punto di vista turistico ma che ben rendono l’idea, invece, della vita quotidiana dei maltesi.

Cincopa WordPress plugin

Oceania Riviera rimarrà ormeggiata a La Valletta fino alle 20:00 di questa sera, dopodiché ripartirà per Aghios Nikolaos, all’isola di Creta. Saranno 575 le miglia nautiche da percorrere e per questa ragione domani ci dedicheremo ad un’intera giornata di navigazione, grazie alla quale vi faremo conoscere da vicino Riviera, attraverso una ship visit virtuale.

Ieri sera, a bordo dell’elegante nave, la prima serata di gala, in occasione del cocktail di benvenuto del Comandante, tenutosi al ponte 15, all’Horizon Bar, un ampio locale a prua con una spettacolare vetrata affacciata sul mare.

  
Clicca sulle immagini per ingrandire

Di origine norvegese ed impegnato in campo marittimo fin dai primi anni del 1970, il Comandante Gunnar ha in quell’occasione, dopo una breve presentazione del suo percorso professionale, introdotto i principali Ufficiali di bordo, consentendo a ciascuno di loro di presentarsi e salutare il pubblico presente in sala.

Un corpo Ufficiali che rispecchia fedelmente l’internazionalità a 360° di tutto l’equipaggio. Europei, americani, africani, australiani: i circa 700 membri di equipaggio attualmente impegnati a bordo di Riviera appartengono infatti a moltissime nazionalità diverse e tutti – occorre dirlo – dal cabinista, al cameriere del bar, al sommelier del ristorante, agli addetti del desk informazioni, agli Ufficiali, hanno alle spalle una professionalità di altissimo livello e di rara competenza.

A seguire cena al Ristornate principale con un menu di gala … come definirlo … giudicate voi da questi pochi scatti.

.

   

.

Ma come trascorrere il tempo a bordo di Oceania Riviera? E com’è il clima di crociera?

.

.

Tenteremo di rispondere nel dettaglio a queste domande nei prossimi giorni. Nel frattempo posso anticiparvi che si tratta di uno stile di crociera molto rilassante, distensivo, rigenerante, fatto di tanti, tantissimi piccoli piaceri ed attenzioni che producono come primo effetto un distacco totale dalla terraferma.

Per il momento, da Oceania Riviera, accompagnati dalle note musicali di una banda locale riunitasi in banchina, in omaggio alla nuova nave, è tutto: occorre prepararsi per una nuova serata sotto le stelle.

A domani!