Comfort di bordo: progetto Sascar contro il rumore in cabina – Rassegna Stampa D.B.Cruise Magazine

Comfort di bordo: progetto Sascar contro il rumore in cabinaAddio ai rumori nelle cabine delle navi. La soluzione è targata Friuli Venezia Giulia e si chiama Sascar, progetto che introduce il primo sistema per il controllo elettronico del rumore nel settore navale. Lo studio è durato 28 mesi e consente di migliorare il comfort dei passeggeri a bordo di navi e yacht. Coinvolti i gruppi Fincantieri e Monte Carlo Yachts, già interessati ad adottare l’innovativo dispositivo. A Gorizia la presentazione del progetto, partito ad ottobre del 2010, in presenza delle autorità locali e del presidente di Confindustria e amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono che ha sottolineato come l’innovazione debba essere diffusa, mentre in Italia ci sono poche grandi imprese e poca concentrazione di cervelli.

«Parte del valore aggiunto costituito dalle risorse umane – ha detto Bono – finisce troppo spesso all’estero, così fare impresa in questo Paese è da eroi». Cabine finalmente silenziose, dunque, per garantire ai passeggeri un normale riposo non più infastidito da rumori e vibrazioni. Fino ad oggi, infatti, i rimedi passivi per contrastare il fenomeno, costituiti da materiali fonoisolanti, fonoassorbenti e antivibranti, si sono rivelati scarsamente efficaci, costosi e impegnativi dal punto di vista della loro applicazione. Ecco che Sascar – Studio e Applicazione di Sistemi di Controllo Attivo del Rumore – fornisce un sistema in grado di “ascoltare” il rumore e di annullarlo elettronicamente offrendo così un rimedio inedito per tutto il settore nautico e navale. Attraverso l’applicazione di un sistema di controllo attivo del rumore (Active Noise Control), è possibile abbattere le emissioni a bassa frequenza fino a 1200 Hz offrendo un’alternativa alla tradizionale insonorizzazione. Da qui la garanzia di un maggiore comfort, di un risparmio nell’impiego di materiali e una maggiore semplicità di progettazione dei sistemi di ventilazione, la causa principale del rumore.

Il sistema, infatti, è in grado di ridurre le emissioni sonore indesiderate attraverso apparecchiature elettroniche che generano un rumore uguale ed in controfase rispetto a quello che crea disturbo. La sovrapposizione, dunque, di rumore e anti rumore consente di attenuare in maniera significativa le emissioni sonore complessive con un evidente aumento del comfort ed un’esperienza a bordo più appagante. Concretamente, il sistema è composto da microfoni che “ascoltano” e rilevano il rumore e di uno o più altoparlanti che emettono il segnale di attenuazione. Il cuore è rappresentato da una centralina elettronica e dall’algoritmo che la governa e che permette di calcolare il corretto segnale di attenuazione. Il sistema si regola autonomamente in base al rumore rilevato e all’ambiente in cui è installato, ed è anche capace di adattare il proprio funzionamento nel caso in cui il rumore rilevato dovesse variare nel tempo. Presentando il Gruppo Beneteau, al quale Monte Carlo Yachts appartiene, l’amministratore delegato Fabrizio Iarrera ha ricordato che “Beneteau investe in innovazione perché in Friuli Venezia Giulia c’è la competenza sul prodotto, l’intera catena di fornitura e la manodopera specializzata”. Per dimostrare l’efficacia del progetto, è stato realizzato un mock up che riproduce una cabina passeggeri, sistema di ventilazione incluso; i risultati della sperimentazione hanno evidenziato un’attenuazione del rumore pari a 8 10 dB(A), ovvero il rumore risultava ridotto a un ottavo della sua intensità iniziale. Il mock up e il sistema montato su di esso si trovano nel laboratorio di Esion a Monfalcone, in provincia di Gorizia.

Fonte: Shippingonline

.

.

[box_light]

Iscriviti alla Newsletter del Dream Blog Cruise Magazine!

[/box_light]