Costa Crociere, più investimenti sul trade e meno sul consumer

“Dare costantemente strumenti tutorial a supporto della rete vendita è fondamentate”, ribadisce Carlo Schiavon, direttore commerciale e marketing Italia

.

La crisi è più forte che nel 2012. Lo ha dichiarato recentemente Carlo Schiavon, direttore commerciale e marketing Italia Costa Crociere. in questo contesto la relazione con il trade è fondamentale. “Oggi offriamo 40mila posti letto giorno, 1 mln e 200 al mese e 14 mln all’anno. La rete agenziale è strategica e vitale – ribadisce il manager -. Spendiamo di più per la formazione e la distribuzione di quest’ultima, molto meno per il cliente diretto. Dare costantemente strumenti tutorial a supporto della rete vendita è fondamentate”. Allo studio una riorganizzazione della rete vendita per cellule geografiche con capi aerea, ma il manager esclude la riapertura degli uffici.
Il direttore commerciale prevede di ottenere gli stessi risultati del 2011 non prima del 2015/2016. “Vogliamo consolidare il comparto dei viaggi di nozze, un target in sofferenza, e puntare su prodotti quali ‘7 spiagge in 7 giorni’, crociera in partenza da Creta, con impegno charter di 5 voli settimanali. Inoltre introdurremo il prossimo inverno il Fly&Cruise alle Canarie”.

.

Fonte: GuidaViaggi

.

.

[box_light]

Iscriviti alla Newsletter del Dream Blog Cruise Magazine!

[/box_light]