Il sindaco Orsoni: «Le grandi navi? A Marghera»

«Il Governo ci ha detto che manterrà i suoi impegni, ovvero la limitazione delle navi per quest’anno e per il tonnellaggio l’anno prossimo, a prescindere dalle decisioni dei giudici»

Grandi navi a Venezia, crociere«Il Governo ci ha detto che manterrà i suoi impegni, ovvero la limitazione delle navi per quest’anno e per il tonnellaggio l’anno prossimo, a prescindere dalle decisioni dei giudici. È un fatto concordato con gli armatori e questo ci tranquillizza». Giorgio Orsoni, sindaco di Venezia, si è incontrato più volte con il ministro Lupi negli scorsi giorni ed è tornato a proporre un “numero chiuso” per le navi da crociera a Venezia e il trasferimento delle imbarcazioni in un porto offshore. La soluzione, più veloce, dice, secondo il Comune è lo spostamento del terminal crociere a Marghera.

Perché Marghera, sindaco? 
«Noi abbiamo sempre detto che il progetto della Contorta-Sant’Angelo è difficile perché ha delle grosse implicazioni ambientali per gli scavi. Vedremo comunque se avrà il via libera dal ministero dell’Ambiente, dove è stato inviato insieme agli altri. La proposta più semplice e banale è proprio Marghera, che è predisposta e si utilizza già nei momenti di emergenza. Si potrebbe fare lo spostamento da subito, senza problemi».

I tempi tecnici del Governo quali sono? 
«Per ora si farà uno screening con una procedura tipo valutazione di impatto ambientale al Ministero. Ci sarà la valutazione della fattibilità delle varie proposte, dopodiché, individuata quella migliore e anche la più compatibile, si useranno le procedure accelerate per avere i finanziamenti, Presumibilmente il Governo immaginerà una legge obbiettivo».

Voi pensate che il limite a 96mila tonnellate per il passaggio delle navi sia sufficiente o che sia troppo alto? 
«Decisamente non è sufficiente. L’unico limite serio per noi è quello del decreto Clini-Passera, cioè la limitazione a 40mila tonnellate. Poi se si individua la via alternativa per arrivare alla Marittima o a Marghera il limite in quel momento dovrà essere calibrato sulle strutture, sui canali che potranno essere messe a disposizione. Staremo a vedere».

Fonte: The Medi Telegraph

.


.

Iscriviti alla Newsletter del Dream Blog Cruise Magazine!

Redazione

Per contattare la redazione del Dream Blog: postmaster@dreamblog.it