In Corea del Sud è boom di crociere

Il comparto crocieristico in Asia cresce a ritmi esponenziali e sta diventando uno dei  principali mercati per la maggior parte delle compagnie internazionali. Ne sono la dimostrazione i massicci investimenti portati avanti da molti player, le nuove commesse progettate specificatamente per i passeggeri orientali  e, come sempre, i numeri.
Corea del Sud, crociereArrivano in questo senso  dalla Corea del Sud statistiche confortanti: nei primi sei mesi del 2016 sono state movimentate  899.839 persone, in aumento del 122% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Di questi, 652.756 erano passeggeri e  246.783 membri di equipaggio.
A crescere parallelamente anche il numero degli scali, passati dai 196 del 2015 ai 306 di quest’anno. In particolare, poi,  i porti coreani in nove casi  hanno  accolto  l’arrivo per la prima volta di altrettante navi, come ad esempio la Ovation of the Seas di Royal Caribbean International, e la Skysea Cruises’ Golden Era (ex Celebrity Century).

Il trend di forte crescita, secondo i dati diffusi  dall’Autorità Portuale di Busan, è destinato a proseguire  per tutto l’anno:  la movimentazione complessiva per il  2016 è  stata stimata a 1,9 milioni di passeggeri con 841 scali. Frutto anche delle strategie di marketing portate avanti dall’Autorità Portuale con il locale Ministero del Turismo,  ideate con l’intento di attrarre sempre più navi da crociera nei porti coreani.

.


.

Iscriviti alla Newsletter del Dream Blog Cruise Magazine!