India, procedure di immigrazione più snelle per i passeggeri di navi da crociera

Nel tentativo di velocizzare le procedure di immigrazione per i passeggeri di navi da crociera, il governo indiano ha recentemente rinunciato al requisito previsto di acquisire i dati biometrici dei  turisti in crociera in ingresso nel Paese con un visto elettronico.
Su richiesta del Ministero della navigazione, il Ministero dell’Interno indiano ha emesso quindi il decreto di rinuncia che ha una validità  triennale, fino alla fine di dicembre 2020.
La nuova sentenza è entrata in vigore solo una settimana fa, dopo che la problematica dei lunghi processi di immigrazione nei porti indiani era stata portata all’attenzione da diversi dirigenti delle principali compagnie di crociera durante una tavola rotonda tenutasi sul tema in occasione dell’ultima edizione del Seatrade Middle East Cruise Forum di Dubai, ad inizio dicembre.
In quella sede  era stata sottolineata la criticità di tempistiche molto lunghe che numerosi passeggeri avevano dovuto subire al loro arrivo in India, superiori in media rispetto ai 90 minuti previsti dalle norme internazionali sull’immigrazione e le cui ragioni risiedevano essenzialmente nel numero insufficiente di personale addetto.

Mumbai, India

La procedura semplificata di autorizzazione all’immigrazione, insieme alla ristrutturazione delle tasse portuali (i principali porti indiani applicano oggi un’unica tariffa uniforme di 35 centesimi per tonnellata lorda) sono recenti azioni chiave adottate dal Governo indiano su indicazione del ministero del Turismo, volte ad incentivare l’ingresso in India di un numero sempre maggiore di navi da crociera.

.


.

Iscriviti alla Newsletter del Dream Blog Cruise Magazine!

Filippo

Cruise blogger, amante del mare, degli orizzonti infiniti e dei tramonti infuocati. Il primo viaggio in nave nel 1988 è stato un vero e proprio colpo di fulmine. Da allora, oltre 40 crociere all'attivo trascorse a bordo di numerose navi e compagnie. Blogger per passione, ogni esperienza rappresenta per me una nuova avventura da vivere con entusiasmo. Viaggiare allarga la mente e lo spirito, farlo per mare ci avvicina a noi stessi.