Coronavirus, il Gruppo Carnival pronto a mettere a disposizione del governo americano le navi da crociera

Anche gli Stati Uniti sono in piena emergenza coronavirus. La scorsa settimana tutte le compagnie aderenti alla Cruise Lines International Association (CLIA), hanno comunicato un totale fermo di tutte le navi delle flotte, con la conseguente sospensione delle attività. E se da un lato si pone ora il problema di trovare banchine disponibili per tutte le unità – non si era mai verificato nella storia un fermo contemporaneo di simile portata -, dall’altro le navi da crociera potrebbero ora fornire un supporto concreto alla situazione.

Il Presidente Donald J. Trump ha dichiarato ieri, durante una conferenza stampa, che il Presidente del Gruppo Carnival Corporation, Micky Arison, ha confermato la disponibilità nel mettere a disposizione le navi Carnival qualora il governo dovesse averne necessità.

Ho parlato con Micky Arison che mi ha confermato che renderà disponibili le navi del gruppo“, ha dichiarato Trump. “Quindi, oltre alle grandi navi ospedale, se avessimo bisogno di ulteriori unità potremo sfruttare le navi da crociera Carnival che saranno attraccate a New York, Los Angeles e San Francisco“. 

L’Agenzia federale di gestione delle emergenze (FEMA) non è estranea al noleggio delle navi da crociera per alloggi temporanei: l’ultima occasione in ordine cronologico fu l’uragano Katrina e gli altri uragani del 2017. In entrambi i casi FEMA collaborò con Carnival.

Le navi da crociera potrebbero fornire alloggi temporanei per una struttura di quarantena o fungere da alloggi per gli operatori sanitari o governativi od ancora, in altri casi, potrebbero essere utilizzati per aumentare le capacita di accoglienza di strutture ospedaliere.
Per le loro caratteristiche, la navi forniscono anche un ambiente sicuro: le autorità avrebbero esatta contezza delle persone imbarcate, così come sarebbero in grado di monitorare e controllare gli accessi in maniera molto più efficace rispetto ad una qualsiasi altra struttura terrestre.

 

.

.

Iscriviti alla Newsletter del Dream Blog Cruise Magazine!