Perdita record per il gruppo Genting Hong Kong. E’ caccia aperta per nuova liquidità

Il Gruppo Genting Hong Kong, proprietario dei marchi crocieristici Crystal Cruises, Dream Cruises e Star Cruises, oltre che del cantiere navale tedesco MV Werften, ha chiuso i primi sei mesi del 2020 con una perdita record di 742,6 milioni di dollari, contro un risultato negativo di -56,5 milioni di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso. 

Dopo aver sospeso le operazioni di crociera dallo scorso febbraio e le attività del cantiere navale da marzo, il gruppo asiatico ha dichiarato di avere, al 30 giugno 2020, disponibilità liquide e mezzi equivalenti sufficienti per soddisfare i propri impegni finanziari fino a giugno 2021.
Nella gestione del flusso di cassa, Genting ha affermato di aver ridotto in modo significativo l’equipaggio a bordo delle sue navi, imposto un congelamento dei reclutamenti a livello aziendale e limitato tutte le spese non essenziali.

Il profondo rosso già anticipato nelle scorse settimane e che ha avuto come prima conseguenza il blocco dei pagamenti ai creditori, ha portato il colosso asiatico a avviare una ricerca tra gli investitori privati di nuova liquidità, sia sotto forma azionaria, sia obbligazionaria. In particolare, sarebbe stato raccolto interesse a investire in uno dei marchi crocieristici gestiti (con ogni probabilità dovrebbe trattarsi di Crystal Cruises). La società ritiene che il nuovo finanziamento potrà essere formalizzato entro i prossimi 12 mesi.

Nel suo rapporto, Genting ha poi affermato che sta assistendo a sviluppi complessivamente positivi della situazione globale e prevede una graduale ripresa delle operazioni di crociera da gennaio 2021.

E’ stato inoltre confermato il via libera ricevuto dalle autorità cinesi per operare crociere nazionali da Sanya, così come dialoghi in corso con i governi di altri paesi per avviare crociere locali. 

Attualmente tutte le navi dei brand posseduti sono in disarmo tranne tre: l’Explorer Dream, attiva su crociere brevi da Taiwan; la Superstar Aquarius e la Gemini, operative come navi alloggio a Singapore per lavoratori stranieri che si stanno riprendendo dal virus.

Le attività del cantiere tedesco MV Werften dovrebbero invece riprendere a ottobre 2020, fatta salva la possibilità di ottenere finanziamenti a lungo termine dal governo federale tedesco, necessari per la ripartenza.
Relativamente alle commesse in corso, le consegne della Crystal Endeavour e della Global Dream, attualmente in costruzione, sono state riprogrammate, mentre la costruzione della seconda nave di classe Global per Dream Cruises è stata rinviata e la costruzione della seconda unità di classe Endevour per Crystal Cruises è stata sospesa.

.

.

Iscriviti alla Newsletter del Dream Blog Cruise Magazine!