Porti: Msc,necessaria politica Italia a sostegno portualità – Rassegna Stampa D.B. Cruise Magazine

Convegno a Civitavecchia per posa prima pietra nuova Darsena

Per le crociere di MSC, il futuro non e’ piu’ solo Napoli, Genova o Barcellona, ma potenzialmente anche Civitavecchia, a patto che l’Italia avvii una politica a sostegno della portualita’. E’ quanto ha sottolineato a Civitavecchia il managing director di MSC Crociere, Domenico Pellegrino, in occasione della posa della prima pietra della Darsena di Sant’Egidio. In futuro – ha detto – ”Non piu’ Napoli, Genova o Barcellona. Nell’ottica di un mercato globale – ha detto – la nuova sfida competitiva per Civitavecchia non e’ piu’ solo europea, potendo le compagnie essere obbligate a scelte economicamente compatibili con le nuove dinamiche di mercato. E’ necessario avviare subito una politica a livello nazionale a sostegno della portualità italiana che non può più arrendersi a logiche provincialistiche.
La presenza di una cabina di regia nazionale eviterebbe la dispersione di risorse finanziarie, assegnandole a chi realmente è in grado di affrontare le nuove sfide internazionali”.

In Italia, purtroppo – ha aggiunto – si fa ancora fatica a dare il giusto peso al settore crocieristico”. Ma secondo Pellegrino ogni nave dovrebbe essere paragonata a un impianto industriale capace di generare sul territorio valore aggiunto, ricchezza e occupazione per 365 giorni all’anno. ”Le compagnie, prima di decidere itinerari e scali, guardano la funzionalita’ di un’area, data da tre fattori chiave: l’attrattività turistica della destinazione, il bacino d’utenza e l’accessibilità. E proprio su quest’ultimo punto occorre lavorare per il porto di Civitavecchia, non nato certamente come porto crocieristico e quindi non ancora adeguatamente attrezzato e dotato di alcune infrastrutture fondamentali”.

(ANSA)