“Le Terre del Sorriso” e la magia dell’Oriente. Racconto di Viaggio

Le crociere in Oriente rappresentano ancora oggi una novità nel panorama crocieristico nazionale: mete lontane, poco conosciute ma che, allo stesso tempo, godono della fama di essere particolarmente affascinanti ed uniche nel loro genere.

L’amica Annette, lettrice del Dream Blog Cruise Magazine, è da poco sbarcata da Costa Victoria, la nave della flotta di Costa Crociere che proprio quest’anno ha debuttato in Oriente e che offrirà per tutta la stagione itinerari in quelle regioni.

Gli scali de “Le Terre del Sorriso” quelli che, da oggi, ci racconterà su queste pagine.

Buona lettura!

“Le Terre del Sorriso”, Costa Victoria, Costa Crociere

17 Novembre – 1 dicembre 2012

[divider]

La crociera “Le terre del sorriso” partita da Singapore il 17 novembre e terminata a Singapore il 1 dicembre ci ha portato in Malesia, Thailandia e Singapore.

Dopo i due primi scali di Langkawi e Penang, di cui vi ho già dato qualche informazione, siamo approdati a Port Klang che è il porto di Kuala Lumpur, attuale capitale della Malesia.
Kuala Lumpur è una metropoli di circa un milione e mezzo di abitanti ed è un esempio di amministrazione elettronica : abolendo l’uso della carta stampata la città governativa è dotata delle ultime tecnologie multimediali e di comunicazione.

Le Petronas Towers sono l’edificio più conosciuto della città (ricordate il film Entrapment con Sean Connery e Catherine Zeta Jones?).

Ma non c’è solo modernità, infatti il centro storico è arricchito da bellissime costruzioni coloniali, il Palazzo del Sultano, la Stazione Ferroviaria, ecc.

In questa città regna la pulizia e l’ordine e la ricchissima vegetazione fa da cornice ai grattacieli e ai palazzi antichi. Bellissimo! L’ibisco  è il fiore che rappresenta la città e persino i pali della luce sono ornati con dei giganteschi fiori di ibisco (in metallo) rossi con grandi foglie verdi.

Riuscite a vedere il palo col l’ibisco sul lato sinistro della foto?

Anche dai meravigliosi Giardini del Lago, con innumerevoli orchidee, ibischi e farfalle, si riescono a scorgere le Torri Petronas e la torre delle telecomunicazioni, perché, come dicevo, il verde è letteralmente parte integrante della città.

Il giorno 23 novembre siamo arrivati a Malacca, regione che ha sempre attratto commercianti provenienti dal sud est asiatico, dalla Cina e dall’India.
Venne conquistata prima dai Portoghesi e poi dagli Olandesi ed infine ceduta agli Inglesi.
Oggi Malacca è una capitale multiculturale, ricca di storia e di tradizioni differenti e riunisce gli elementi delle varie dominazioni.

Il centro si può visitare a piedi o su uno dei tanti risciò che girano per le strade e antiche giungle continuano a risalire il fiume, conferendo alla zona del porto un’aria di altri tempi e un po’ tutta la città è piena di stradine sulle quali si aprono botteghe cinesi, e negozietti di antiquariato.

Questo risciò è un trionfo di fiori e bandierine malesi!

Ci inoltriamo poi tra le stradine piene di botteghe, dove c’è un brulicare di persone indaffarate, si percepisce proprio l’attività dei mercanti e si passa tra una bottega e l’altra sommersi dal profumo d’incenso e dall’odore di fritto: siamo in un mondo “diverso” … è l’Oriente!

  
Clicca sulle immagini per ingrandire

Durante la nostra esplorazione arriviamo anche a visitare un tempio cinese: interessante!

  
Clicca sulle immagini per ingrandire

Infine una capatina al modernissimo centro commerciale di Malacca e scopriamo che anche qui si festeggia il Natale!

Continua …